Informativa sulla privacy e l'uso dei cookie

Questo sito utilizza solo cookie di servizio di carattere temporaneo che non contengono informazioni sensibili sul profilo dell'utente e che vengono adoperati esclusivamente per gli acquisti.

Continuando la navigazione accetti l'uso dei cookie.

ACCETTO

Pagine
RICERCA RAPIDA » Ricerca avanzata

Categorie
AGRICOLTURA, AGRONOMIA (91)
ALLATTAMENTO (13)
ALPINISMO & TREKKING (151)
ARCHITETTURA & INGEGNERIA (819)
ARTE, DESIGN E DISEGNO (475)
AVVENTURA (1)
CINEMA (216)
CLASSICI (28)
CONCORSI (632)
CORPO MENTE E SPIRITO (68)
CUCINA E CASA (3520)
DIZIONARI & ENCICLOPEDIE (884)
ECONOMIA, MARKETING, IMPRESA (9612)
FANTASCIENZA & FANTASY (257)
FIABE (105)
FICTION (1)
FUMETTI (1790)
GIALLI & HORROR (3086)
GIARDINAGGIO (184)
GRAVIDANZA (48)
HUMOR (57)
INFORMATICA (1983)
LIBRI PER BAMBINI (2028)
LIBRI PER RAGAZZI (113)
NARRATIVA (12429)
POESIA & TEATRO (174)
PSICOLOGIA E PSICOTERAPIE (252)
PUERICULTURA E PEDIATRIA (87)
SALUTE & MEDICINA (338)
SCIENZA (105)
SOCIETà, CULTURA E FATTI (544)
SPORT (1626)
STORIA (11128)
TEMPO LIBERO & HOBBY (35)
VIAGGI, GUIDE E CARTE (2597)
Scheda libro

Cod. ISBN9788834323410
AutoreJohn W. O'malley 
TitoloTrento. Il racconto del concilio
EditoreVita e Pensiero
Anno2013 
Descrizione
Il Concilio di Trento (1545-1563) fu il tentativo della Chiesa cattolica di mettere ordine 'a casa propria' in risposta alla Riforma protestante. Con i suoi sofferti diciott'anni di lavori, ha rappresentato uno degli snodi più significativi della storia della Chiesa moderna, segnando profondamente il cattolicesimo per i secoli a venire. Eppure capire cosa successe a Trento non è mai stato facile, così come diverse, e spesso del tutto opposte, sono le considerazioni sulla sua eredità . C'è chi lo ritiene il simbolo della fierezza e dell'identità  cattolica, addirittura una panacea dei mali della Chiesa e della società , e chi invece lo giudica l'emblema della Controriforma, qualcosa che sa di ritorno indietro e di oscurantismo. Il grande storico americano John O'Malley fa giustizia di questi tratti mitologici o mistificatori restituendoci, proprio nel 450 ° anniversario della chiusura del Concilio, il racconto vivido di un momento decisivo della storia europea non solo religiosa, ma anche politica, culturale e sociale. I lavori del Concilio ebbero quale ingombrante compagnia le guerre e le minacce di guerra tra i regnanti europei, come pure l'attacco ottomano alla cristianità . I protagonisti politici del momento, tra cui non bisogna dimenticare lo stesso pontefice, avevano interessi diretti e personali nelle questioni affrontate dai padri conciliari, le cui decisioni tentarono ovviamente di condizionare. E sul versante interno era fortissima la provocazione della Riforma luterana, che a gran voce denunciava lo squallore in cui era precipitata la pratica religiosa. Eppure, con queste premesse e con le innumerevoli incomprensioni e risentimenti che rischiavano ogni giorni di portare fuori strada il Concilio, esso riuscì a canalizzare gli impulsi positivi provenienti da diverse parti del mondo cattolico e a dare concretezza e sistematicità  alle esigenze di riforma della Chiesa. Se su alcuni temi, come l'autorità  papale o il peso della Curia romana, Trento non riuscì a deliberare, su altri venne raggiunto un notevole consenso. Oltre alle decisioni in materia dottrinale, in risposta alle sollecitazioni luterane, il Concilio pose, ad esempio, le basi per una riforma del clero, in particolare riguardo ai compiti dei vescovi, allora più 'signori' delle diocesi che 'pastori', agli ordini monastici e alla corretta formazione dei sacerdoti, con l'istituzione dei seminari. Risultati non da poco, considerando anche il succedersi di tre papi nell'arco del Concilio, le interruzioni, gli spostamenti di sede, le difficoltà  logistiche e perfino la minaccia di una pestilenza. Tutti aspetti di cui O'Malley, basandosi su una ricerca di prima mano sugli atti conciliari, come nel suo ormai classico libro sul Vaticano II, offre una narrazione avvincente, svelando intrighi e retroscena e facendo rivivere l'evento conciliare anche attraverso dettagli minori ma significativi quali le condizioni meteo o le esigenze di accudimento dei cavalli che trainavano le carrozze dei protagonisti, come solo i grandi storici sanno fare. 
CollanaCultura e storia 
Consistenza280 p. 
Prezzo di copertina€ 20,00
DisponibilitàCopie subito disponibili n. 1

(Nota: le copie subito disponibili vengono destinate ai clienti rispettando l'ordine di conferma del pagamento degli acquisti. Nel caso esauriscano le copie subito disponibili, i tempi di fornitura dei libri ordinati saranno quelli medi previsti per l'editore).
 


Chi ha comprato questo libro ha comprato anche:

Simoens Yves
Apocalisse di Giovanni. Apocalisse di Gesù Cristo. Una traduzione e un'interpretazione
Barsotti Divo
Meditazione sull'Apocalisse
Arcari Luca
«Una donna avvolta nel sole...». Ap 12, 1. Le raffigurazioni femminili nell'Apocalisse di Giovanni
Missere Patrizio
Cristo-Agnello e la sua comunità nell'Apocalisse. Storia della ricerca, esegesi e teologia
Lohse Eduard
L' Apocalisse di Giovanni
Vanni Ugo
Apocalisse. Una assemblea liturgica interpreta la storia
Alessandro Belano
Apocalisse. Traduzione e analisi filologica
La salute mentale e il paradigma geopolitico. Itinerari critici per un'etnopsichiatria radicale
Pernigotto Giovanni
Crisi come esperienza morale. La testimonianza di Giuseppe Dossetti
Sconti
Secondo i dettami della nuova legge lo sconto massimo applicabile al cliente è del 5% sul prezzo di copertina.


www.unlibroperamico.it - di Francesco Testaferri P. Iva 03073020541 Reg. CCIAA di Perugia n. 261559 - info@unlibroperamico.it